Le Iene è un programma televisivo controverso.
Ben ci sta quando scopre suprusi e cronaca nera, molto meno quando si infila in argomenti che non fanno per loro come è successo per la storia di Vannoni.
Ieri sera Le Iene (che piano piano sta cercando di smarcarsi dal complottismo che li ha resi controversi) han trasmesso un servizio.
Questo.

anonymous-905-675x905-1
"Scusi, perché mette la maschera?"
"Perché se no mi prendono per il culo"

Per chi non ha voglia di gustarsi la croccantezza racchiusa in questi 30 minuti di video spiego subito: un branco di cialtroni si è riunito per scambiarsi opinioni e ipotesi (perché non sono TEORIE, mannaggia al loro Dio) riguardanti la storia della Terra Piatta, una roba assurda da sentire nel XXI secolo.
I vari sconvolgimenti climatici di questi giorni credo siano dovuti al giramento di palle di Eratostene mentre tira bestemmie dall'Ade per via di gente come loro.

Nel video delle Iene ho identificato 3 gruppi di persone:

  • il DISTRATTONE:
    Si trova li' per curiosità. Non cretino al punto da credere a tutto, ma nemmeno mette in discussione la cosa. Assorbe e medita in silenzio. Diciamo che si trova li' solo per far gruppo.
    Frase chiave: "non ho capito"
    29coy4q0n2911

  • il SAPUTO:
    Spende tutte le sue energie per leggere articoli e libercoli colmi di storie e dati più o meno ben rappresentati in modo che siano appetibili, ma senza fonti autorevoli di supporto. Si informa soltanto su siti che finiscono con ".altervista.org" e video di youtube, senza contare le innumerevoli pagine facebook che trattano boiate su alieni, vaccini, scie chimiche e stocazzo. Se trova qualcuno che non la pensa come lui gli da' del coglione e scappa. Nel caso il saputo avesse dei colleghi vicino a lui, continuerebbe le vessazioni all'infinito supportato dal resto del branco, forte della superiorità numerica come ogni buon coglionazzo insicuro.
    Frase chiave: "tu non sai che " e "INFORMATI!!1!1!"
    jza3wyc2r0ny

  • l'ATTIVISTA:
    Non ha mai fatto un cazzo nella vita se non lamentarsi e da quando ha un collegamento internet approda alle stesse conclusioni del saputo, ma a differenza sua non resta al bar a bullarsi con gli amici e i conoscenti atteggiandosi come fine conoscitore delle cospirazioni più nascoste che solo lui sa: l'attivista le mette anche in pratica. Autoelevatosi al rango di "IO SO' IO E VOI NUN SAPETE UN CAZZO" scrive libri, fa video e tiene conferenze, ed in alcuni casi entra in politica tramite movimenti e liste populiste/sovraniste, insinuandosi come detentore del Sapere Vero ma coglionando al tempo stesso il popolino. Piuttosto che ammettere un errore sovverte la realtà in modo tale che collimi con quello che solo lui vede.
    Solitamente la frase tipica è "Sono ricercato dai poteri forti per quello che so".
    Se gli chiedi per quale motivo sia ancora in vita nonostante il pericolo che corre va nel panico e scappa farfugliando supercazzole sul fatto che per lui sei colluso con qualche governo ombra e con la promessa di sputtanarti in rete appena possibile.
    Rosario_Marcian-_Voyager

Ma il punto che accomuna tutti quanti in un solo, bellissimo, macrogruppo non è l'ignoranza ma l'arroganza estrema, che da' ancora più fastidio.
Credo si tratti di gente che ha sostituito la religione con questa fuffa (fuffa per fuffa insomma) vedendo il livore che sprigionano in risposta ai tentativi di insinuargli il dubbio che stiano dicendo delle boiate oscene in campi che non li riguardano. Far vedere che conoscono qualcosa più di te è il motivo della loro esistenza come per il pavone mostrare le piume, probabilmente perché non hanno avuto molte vittorie nella loro vita e cercano un palliativo per consolarsi della loro piccola esistenza. La minaccia costante di un qualche pericolo imminente li fa sentire vivi come in un film.

In breve: questa gente mi fa pena.

Facile dire "sarebbero da mandare in miniera" ed altre maledizioni che gli anti-complottisti scrivono su FB per dal loro degli ignoranti in modo colorito. Io stesso ho proposto di legare i terrapiattisti a dei palloni aerostatici in modo tale che si accorgano della curvatura della Terra e di essere degli stronzi poco prima di esplodere per la decompressione. Così come agli antivaccinisti ho consigliato di colonizzare un'isola per conto loro in modo che possano stare isolati ed estinguersi in silenzio.
Ma non si fa, è una brutta cosa ed insegnare ad un morto è inutile.
Piuttosto trovo faccia benissimo Burioni a prenderli per il culo e trattarli male, dal momento che l'arroganza ignorante deve avere l'arroganza erudita come contrappeso per ripristinare gli equilibri, cercando al contempo di spronarli ad imparare dai loro errori.

Ho provato ad insegnare ad alcuni convintoni, nel mio piccolo e davanti a delle birre, come verificare un qualcosa tramite fonti attendibili e solo in pochi rarissimi casi il soggetto è rinsavito. In 10 anni dalla comparsa del complottismo moderno ho "salvato" solo 2 persone: uno era sciacazzaro e l'altro credeva che le Twin Towers le avesse fatte sparire Copperfield. Ci avrei creduto se avesse assegnato a Michael Bay la direzione degli effetti speciali, ma non ha mai fatto questa affermazione e comunque pare sia rinsavito al punto da postare giornalmente articoli provenienti da BUTAC piuttosto che da pagine fuffa.
In ogni caso soltanto 2 su non ho idea quanti. Una percentuale misera, quindi il metodo non funziona granché.

Il complottaro medio si ciba di vari argomenti e tematiche sempre nuove, forte della sua convinzione e "prove" che però spesso non collimano con quelle dei colleghi. Come nel video delle Iene, sono tutti d'accordo che la terra sia piatta ma qualcuno sostiene di aver visto l'Australia dalla cima di una collina a Nordkapp (e il tizio porta pure gli occhiali, grandissimo cazzaro) mentre un'altro porta la testimonianza della non-esistenza dell'intero continente, probabilmente senza aver mai lasciato la provincia di nascita. Nemmeno loro fra loro si mettono d'accordo, tipo la Sinistra italiana. Stessa cosa con vaccini, alieni, dinosauri (che per loro sono ossa di giganti cammuffate), la luna è solo un ologramma fatto con fotosciòp e tante altre menate.
Menate che a detta loro sono tutti inganni dei massoni/poteriforti/rettiliani, che dandoci false informazioni possono controllarci verso chissà quale matrix.
rnl1lRL
La mia idea di risposta a questa piaga è dunque la seguente: dobbiamo smetterla di vessarli, mandarli affanculo e augurare loro il peggio. Non cambierà nulla e saranno comunque riconosciuti universalmente dalla Storia come i cialtroni che sono, quindi il verdetto è già stato dato. Piano piano questa moda sparirà da sola, ricordiamoci che nonostante il clamore e il casino che possono fare si tratta di una minoranza risicata.
La legge di natura impone la regola dove il forte mangia il debole in modo bilanciato, e questa cosa su internet non c'è.
Ogni tanto si vede un processo penale verso degli attivisti pericolosi per cose e persone, come abbiamo visto con Vannoni (Metodo Stamina), Marcianò (sciacazzaro calunniatore) e Mereu (la dottoressa che cura il cancro con le parolacce), ma spesso li si lascia semplicemente fare senza conseguenze e questi continuano ad inquinare la rete e i cervelli della gente che purtroppo si aggrappa a tutto pur di avere uno scopo nella vita.
Fino a che questa situazione dura, dovremmo sfruttare il fenomeno per riportare l'equilibrio.

Si dice che il furbo prosperi dove l'idiota vive, e la natura ci sta regalando tantissimi di questi esemplari ultimamente.

Domani potrei aprire partita IVA e fondare la mia azienda di apparecchiature fuffa. Già me lo immagino il prodotto che metterei in vendita: una specie di tablet con le informazioni sui complotti precaricate e squisitamente dalla loro parte, che dia ragione a tutte le loro ipotesi e li faccia sentire al sicuro.
Potrei anche vendere mappamondi piani, e loro li comprerebbero.
Il soggetto è convinto dell'esistenza di metalli nelle scie degli aerei? Vendigli un barattolo di acqua colorata con delle graffette dentro, vedi che te la compra.
Sfoggerebbero gagliardi il loro tablet alle feste, mostrerebbero le nuove mappe ai loro amici e potrebbero sentirsi dei fighi di dio ai convegni, mentre la gente normale potrebbe finalmente identificarli come gli imbecilli certificati che sono lasciandoli in disparte. Prima o poi qualcuno capirebbe l'inganno, pensando che i complotti siano in realtà un complotto per intortare i complottisti (cosa che in realtà succede davvero) per fargli comprare della fuffa, e mollerebbero il colpo.

Sarebbero contenti tutti, la legge naturale sarebbe ripristinata e io sarei schifosamente ricco.
Non odiare il complottaro: sfruttalo.